Ozio pomeridiano.

Avete presente quando non si ha voglia di fare niente? Quando anche se c’è da studiare, o da fare mille altre cose non c’è niente di meglio di una tazza di tè caldo con la musica a palla nelle cuffie? Magari sotto le coperte? E ci sono i libri sulla scrivania che vogliono essere aperti altrimenti nella cacca lunedì ci sei te?

Benissimo. Sono in questa situazione, esattamente qui. Ieri sera non avevo neanche voglia di scrivere sul blog. Fuori diluvia, piove da due giorni. Ho aperto già due file sul pc. Questo è il terzo e l’unico che concluderò. In effetti è sabato. Non faccio nulla. Almeno vado a docciarmi e cambiarmi e poi esco con gli amici, anche se fa freddo e piove. La scuola non mi manca per niente al mondo. La matematica la odio con tutta me stessa. Lunedì ho l’interrogazione. Forse l’unica cosa che mi manca un po’ sono le lezioni di filosofia. Mi piace la materia ed ho un professore bravissimo.

La prof di italiano ci ha dato da leggere “L’isola di Arturo”. Ho letto solo una quarantina di pagine e in tutto sono quattrocento. Dalle prime pagine risulta un bel libro però descrive anche quante volte vanno in bagno i protagonisti!

Ho cacciato la chitarra classica dalla custodia dopo molto tempo, ho sempre l’acustica a portata di mano, ma dato che ho le dita spaccate dalle corde di metallo per ora preferisco suonare senza sanguinare. Stamattina sono stata molto tempo a letto, col cellulare in mano a messaggiare tutto il tempo. Mamma mia certe persone come sono complicate!
Il fatto è che ci si comporta peggio dei bambini di tre anni anche quando ne si ha trenta o quaranta.

Giovedì il prof di religione ha fatto leggere le frasi che ognuno di noi doveva portare da casa. Dovevamo rispondere alla domanda “Cosa cerchiamo in questo nuovo anno scolastico?” Tutti hanno risposto le stesse cose.. Voglio essere una persona migliore, voglio impegnarmi nello studio, voglio diventare Miss Italia… io ho scritto che sto bene come sto, ma mi piacerebbe se in questo mondo ci fosse più maturità e più generosità. Sembra scontato, forse lo è, ma io intendo diversamente. Noto che non ci si aiuta mai. Sono fuori io o sono fuori gli altri?

Il prof di filosofia ci ha fatto fare un test inventato da lui (idolo) che provava la nostra personalità. In base alle sue domande dovevamo dare la risposta A, la B, la C o la D. Le categorie erano generosità, coraggio, lealtà e responsabilità. Su ventinove persone in classe sono risultata la più generosa. Cinquanta punti su cinquanta. Allo stesso tempo il coraggio è basso (mi sembra dieci), la lealtà media (venticinque, ma non è che sia tanto d’accordo), la responsabilità bassissima. Se si è generosi si può essere responsabili?

Ok, adesso invece sono le 23.20 e sono tornata a casa da poco. Mentre oggi pomeriggio scrivevo il post mi hanno chiamato perchè nel coro parrocchiale l’organista ha dato buca e non c’era nessuno che potesse suonare la messa prefestiva.
Ora.. se la messa è alle 6.30 che cazzo mi chiamano alle 6.15 quando ancora non mi sono cambiata e non suono quei canti da venti giorni?
Con una santa pazienza ho accordato la chitarra, mi sono lavata e cambiata, ho messo la chitarra sulle spalle e mi sono avviata verso la chiesa. A Pisticci (dove abito) l’ingresso della chiesa è praticamente affianco alla sala consiliare. E lì stasera c’è stata una presentazione di un libro di cui mi ero totalmente dimenticata. Era comunque tardi per la messa… e mi sono convinta e sono rimasta lì, visto che ho incontrato dei cari amici musicisti. Della serie… invece di fare filone a scuola l’ho fatto a messa. Risultato: la signora che dirige il coro incazzata nera, ma francamente me ne infischio. Ho passato una bella serata in tutta calma, in un luogo e ad un evento interessante. Dopo la presentazione mi sono trattenuta con questi amici (uno in particolare, è quello a cui ho dedicato l’ultima canzone che ho scritto, è grande, potrebbe essere mio padre). Dopo ancora ho incontrato altri amici e così siamo stati in giro. Finalmente sono uscita dopo due giorni interi in casa. Per fortuna il meteo non ha fatto dispetti ed è stato un bel sabato sera. Giornata pesante, senza aver fatto un gran che.. sarà la pesantezza dell’ozio pomeridiano?
Domani studio. Lo giuro!

Dunque ora un post decente (per lunghezza, più che per contenuto) l’ho scritto. Mi aspetto un po’ di sorprese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...